La difesa

e8fd00_61bb7375cd1745b28971921c530ca83d

Secondo i legali della difesa, Alberto Stasi non si sarebbe sporcato poichĂ© il sangue si era giĂ  seccato; la perizia medico-legale avrebbe indicato un’ora della morte congruente con questa ipotesi, mentre la perizia informatica avrebbe confermato l’alibi del giovane il quale, mentre Chiara veniva uccisa, stava lavorando sul suo computer, intento a preparare la tesi di laurea.
Secondo la difesa, il delitto sarebbe da attribuire ad un ignoto rapinatore che, con uno stratagemma, sarebbe riuscito a farsi aprire la porta dalla ignara vittima.
A spiegare le scarpe pulite, ci sono esperti in chimica: le suole del ragazzo sono idrorepellenti e potrebbe essersi ripulito continuandoci a camminare per ore.

 

La bicicletta: “Non è possibile precisare la natura del materiale biologico di Chiara Poggi, presente sui pedali” scrivono gli esperti. Se è sangue per l’accusa, non si può escludere, precisa la difesa, che si tratti di muco o saliva.
Il portasapone: per la difesa e i consulenti nominati dal giudice “la piĂą ragionevole e semplice spiegazione è che i due abbiano entrambi toccato l’oggetto, in tempi e per un numero di volte del tutto sconosciuti”. Elementi che rendono il dato ”del tutto irrilevante al fine della costituzione di una prova scientifica”, scrivono gli esperti.
Stasi è stato anche imputato per il possesso di materiale pedopornografico. Ciò si è trasformato persino nel possibile movente del delitto poichĂ© l’accusa avrebbe attribuito a Stasi una reazione violenta nei confronti di Chiara la quale lo avrebbe “scoperto”. Inizialmente condannato in primo grado e in appello, in un giudizio separato, ad una pena di 30 giorni di reclusione convertiti in una multa (piĂą l’interdizione perpetua a lavorare a contatto con minorenni) Stasi viene assolto dalla Cassazione nel 2014 per insussistenza del fatto (i file visivi sarebbero stati solo delle “tracce”, mai scaricate, recuperate parzialmente dalla polizia scientifica e non visibili all’imputato; nel pc venne trovata solo pornografia legale che Stasi ammise di aver guardato anche assieme alla fidanzatina).