Come andrĂ  a finire

February 1, 2016|GiallosuGiallo

e8fd00_92773b837f3d42b0802f42fb6e215b59

A distanza di un anno da quando il caso è diventato di pubblico dominio, di Guerrina Piscaglia non si è trovato mai il corpo né una traccia precisa, nonostante battute di ricerca su tutto il territorio tra la Toscana e la Romagna. Il fatto che il corpo non sia stato trovato costituisce un grosso ostacolo.

Tuttavia resta in piedi l’impianto accusatorio relativo al possesso del cellulare della donna e l’interrogatorio dello stesso Gratien durante il quale lo stesso avrebbe cristallizzato l’impianto accusatorio (il fatto di avere incontrato Guerrina due giorni dopo la sua presunta scomparsa, ovvero il 3 maggio, in compagnia del fantomatico “zio Francesco”).
Potrebbe risolversi in nulla come succede spesso con processi indiziari: non c’è il corpo, non c’è alcuna “prova regina”; di conseguenza il vaglio dibattimentale sarà “in salita” per la Procura.
Infine: è emerso che il fratello di Padre Gratien sarebbe stato ucciso in Congo pochi mesi prima che il prete africano partisse dall’Italia. La cosa strana è che, nell’ultima puntata di una nota trasmissione pomeridiana, sarebbe intervenuto al telefono proprio il presunto fratello di Gratien (?), il quale avrebbe dichiarato di essere assolutamente sicuro della sua innocenza.

« La difesa

»