I personaggi

April 9, 2016|GIALLOsuGIALLO

e8fd00_1b044e0129d34a51b2d2fee501e163ebISABELLA NOVENTA – VITTIMA DI OMICIDIO

Nella notte tra il 15 e il 16 gennaio 2016 scompare misteriosamente una segretaria 55enne amante del ballo caraibico: Isabella Noventa. Dopo essere stata a cena alla pizzeria “Est Est Est” di Lion intorno alle 20:00 con il fidanzato, Freddy Sorgato, si sarebbe fatta accompagnare da quest’ultimo a bordo della sua Audi A6 in piazza Insurrezione a Padova e da allora se ne sarebbero perse le tracce. La donna – che fa la segretaria – risiederebbe ad Albignasego (Padova) con l’anziana madre da cui mai si sarebbe allontanata senza preavviso (così riferisce chi la conosce bene).

FREDDY SORGATO – PRESUNTO COLPEVOLE DI OMICIDIOe8fd00_920caa5e856d425196a1b3802e8ba13a

 Freddy Sorgato: un 47enne padovano trasportatore di carburante, per hobby insegnante di ballo e cicloamatore. Fin da subito la versione del “fidanzato” Freddy appare poco credibile: l’uomo avrebbe riferito al fratello di Isabella di averla accompagnata in centro a Padova, dove la donna gli avrebbe detto di avere un appuntamento alle 22:00 con un’amica. Il fratello pensa immediatamente che Freddy stia mentendo poichĂ© a suo dire la sorella non sarebbe stata certamente il tipo di persona che si avventura di notte da sola per le vie di una cittĂ .

e8fd00_a6e84cdaaf1f485a8f71b98ae9c2d938

DEBORA SORGATO – PRESUNTA COLPEVOLE DI OMICIDIO

Sorella di Freddy Sorgato, personaggio inquietante. Debora non aveva mai visto di buon occhio la relazione tra il fratello e la Noventa, pensava che la donna mirasse solo ai soldi di Freddy.
Come è morto esattamente il primo marito di Debora Sorgato se lo domandano, ancora oggi, i genitori di Giuseppe Berto. Il caso venne archiviato come suicidio ma, i genitori dell’uomo, nel corso della puntata di Chi l’ha visto del 16 marzo 2016, avrebbero riferito che, successivamente al funerale, tra loro e la nuora i rapporti si sarebbero bruscamente interrotti. Anzi, Debora avrebbe subito conosciuto un altro uomo, Gianluca Ciurlanti, del quale sarebbe rimasta incinta ma lo stesso avrebbe, di lì a poco, perso la vita, in un tragico incidente con la moto, prima della nascita del bambino. In base a quanto accaduto, i genitori di Giuseppe ora si chiedono se davvero il loro figlio è morto suicida. A ciò si aggiungono le inquietanti perplessitĂ  di Iolanda Bonifazi, madre di Gianlcuca Ciurlanti (compagno della Sorgato e padre del suo unico figlio) che, sempre durante la trasmissione Chi l’ha visto del 30 marzo 2016, si sarebbe espressa come segue: “Debora non ci aveva mai detto di essere incinta, lo scoprimmo solo dopo la morte di mio figlio. In seguito, lei non mi ha mai consentito di vedere il bambino”. Inoltre prosegue specificando che nemmeno la prova del DNA sarebbe mai stata fatta. “Come è stato fatto questo riconoscimento non lo so, me lo sono chiesto tante volte” e rimarca: “Adesso ho il dubbio”. Come se non bastasse, anche Il fratello di Gianluca Ciurlanti racconta di un altro fidanzato morto in circostanze che non ricorda con precisione. E rivela che Debora Sorgato avrebbe iniziato la sua relazione con Gianluca mentre stava ancora insieme al marito.

e8fd00_97469ebe380844748ccbdfab8e1595e0

MANUELA CACCO – PRESUNTA COLPEVOLE DI OMICIDIO

 Manuela Cacco, la tabaccaia di Camponogara, amica di Debora, era legata a Freddy da un rapporto che andava oltre l’amicizia. Pare infatti che la Cacco fosse terribilmente gelosa di Isabella la quale aveva fatto perdere la testa a Sorgato. In passato aveva lavorato come cameriera all’hotel Mantegna, se la ricorda bene Raimondo Loddo, manager nel turismo che dirigeva la ristorazione dell’hotel Mantegna, che la ricorda come una persona educata, estremamente corretta, esemplare. “Se qualcuno mi avesse chiesto un parere per assumerla, il mio sarebbe stato assolutamente positivo”. La Cacco e Raimondo Loddo erano diventati amici. E proprio la Cacco gli aveva raccontato stralci della sua vita. Aveva raccontato che era stata proprietaria di una gioielleria ma che aveva dovuto chiudere perchĂ© il marito, dedito al gioco ma soprattutto alle bellezze dell’Est, l’aveva messa in grossissima difficoltĂ , si era mangiato tutto, lasciandola piena di debiti». Loddo, che non conosceva minimamente i problemi giudiziari della Cacco e dell’ex marito, Smeraldo Marigo, legato alla Mala del Brenta, aveva ritenuto la Cacco una donna coraggiosa e piena di umiltĂ  e voglia di lavorare. E’ Manuela Cacco a cedere per prima e ad accusare Debora Sorgato di avere ucciso materialmente Isabella Noventa.

e8fd00_f78b27dda01047ee9ef0004d88f03d3e

PAOLO NOVENTA – FRATELLO DI ISABELLA

Fin da subito avanza l’ipotesi che freddy sia un bugiardo poichĂ© a suo dire la sorella non sarebbe stata certamente il tipo di persona che si avventura di notte da sola per le vie di una cittĂ . Nelle dichiarazioni rilasciate ai giornali non cela il profondo turbamento riguardo la personalitĂ  fredda e calcolatrice di Debora, al punto da arrivare ad affermare: “Mi sembra che quella donna si porti dietro una scia di morte non indifferente”. Non si dĂ  mai pace; vuole sapere come sia stata uccisa la sorella e, soprattutto, dove sia ne sia stato abbandonato il corpo, per poterle dare una degna sepoltura. E, invece, il cadavere di Isabella pare essere scomparso nel nulla. Paolo, dopo essersi studiato tutte le carte degli inquirenti, prova a ricostruire la dinamica degli accadimenti di quella notte maledetta, il 15 gennaio 2016, ripercorrendo gli spostamenti di Freddy, Debora e Manuela Cacco, arriva alla conclusione è che i fratelli Sorgato si sarebbero sbarazzati del cadavere gettandolo nel fiume, mentre la Cacco si aggirava in zona, cercando di depistare nei 23 minuti intercorsi tra 00.22 (quando l’auto di Debora – con a bordo probabilmente anche Freddy – parte dalla villetta) e le 00.45 (quando la stessa auto percorre il tragitto opposto). Nel corso della trasmissione “La vita in diretta” su Rai1, lancia un appello disperato a a Freddy e Debora Sorgato e Manuela Cacco, chiedendo loro di rivelare dove abbiano nascosto i resti di sua sorella, per poter almeno onorare la sua memoria con una degna sepoltura. Ma l’appello resta senza risposta.

« Il caso

I testimoni »