L’accusa

February 5, 2016|GiallosuGiallo

e8fd00_f9d74efb96c941a5b9315a53250c57f6

«È un bugiardo patentato, che non voleva perdere il patrimonio, l’affidamento dei figli, forse anche il lavoro a causa di un divorzio in cui gli avrebbero contestato l’addebito per la lunga relazione con quella che era l’amica di famiglia» è stato il motivo della richiesta del rinvio a giudizio da parte del PM Giaconi.

 

Tutti i testimoni avrebbero collocato il marito di Roberta Ragusa in via Gigli, supportando il racconto di Loris Gozi. Filippo Campisi, il vigile del fuoco che quella sera si trovava a passare in zona, inoltre, avrebbe riferito di aver sentito delle grida di donna. A smentire il marito di Roberta non ci sono solo Loris Gozi e Silvana Piampiani – che sostengono di averlo visto la notte della scomparsa (mentre lui dice di essere andato a letto) ma anche la moglie e la suocera di Gozi che affermano di aver ricevuto due visite del Logli – che invece nega – il giorno successivo alla sparizione di Roberta.