Il Commissario Ferrante Martini

Mario Catania è nato a Torino il 24 maggio 1973, dopo aver studiato dai Padri Gesuiti e poi dai Rosminiani si laurea in giurisprudenza ed inizia la carriera legale diventando amministratore unico della Proyect Life Trustee S.R.L. Le sue vere passioni: la legge, lo sport e la matematica lo portano lontano dalla strada originaria ma sin dal suo primo romanzo, “La scelta”, sono chiari i legami con il mondo forense ed investigativo che si fanno sempre piu’ stretti dal terzo, “Tre Bravi Ragazzi” fino a diventare, nei successivi, vere e proprie collaborazioni ufficiali.

Commissario Ferrante Martini

Commissario Ferrante Martini

Gli scritti ed i personaggi nati dalla sua immaginazione sono anche il frutto dell’esperienza dei collaboratori (magistrati, avvocati, notai, poliziotti, medici così come sciatori, tennisti, esperti di equitazione e di macchine da corsa) tanto da poter essere considerati, come lui ama definirli, “romanzi verità”…dove la “verità” non consiste nel fatto che gli accadimenti immaginari siano effettivamente avvenuti quanto nel fatto che, se si verificassero nella vita reale, lo svolgimento delle indagini potrebbe davvero prendere il corso descritto. La Sindrome di Asperger; la vicenda tutta italiana del Mostro di Firenze; le problematiche legate alla cecità; il legame tra gemelli omozigoti; le sfumature ed i segreti della genetica basata sull’analisi del DNA sono solo alcune delle “ricerche”, per così dire romanzate, in cui si è cimentato.

Il Commissario Ferrante Martini, personaggio immaginario di un ex componente della SAM, la Squadra Anti Mostro realmente esistita negli anni ottanta come Squadra Speciale appendice della Procura di Firenze impegnata sul fronte delle indagini relative alla vicenda del cosiddetto Mostro di Firenze, è il personaggio principale dei suoi ultimi tre romanzi: Il Mostro di Firenze. Una verità oltre la Cassazione, Vi vedo al buio e Tutto sbagliato.

libro_MarioCatania (1)Sito internet: www.mariocatania.it

Sul Mostro di Firenze

[pagina precedente]   Dalla quarta strage i tempi iniziano ad essere più serrati. Venerdì 23 ottobre 1981, appena quattro mesi dopo e siamo sempre in una notte di novilunio: i ragazzi sono Stefano Baldi e Susanna Cambi vengono uccisi rispettivamente [...]